Consulenza per pratica di accatastamento dei fabbricati

Pratiche DOCFA - Catasto Fabbricati

La pratica DOCFA di accatastamento dei fabbricati è un documento che contiene tutti i dati tecnici e descrittivi delle unità immobiliari denunciate ed una serie di rappresentazione grafiche dell’immobile da accatastare o del quale presentare delle variazioni, come le planimetrie catastali.

In poche ore, richiedendo online un accastastamento fabbricati DOCFA è possibile eseguire l’accatastamento di nuovi fabbricati o la denuncia di una variazione relative a fabbricati esistenti.

Cos’è il Docfa?
Il DOCFA è un software informatico realizzato dall’Agenzia del Territorio e messo a disposizione di geometri, ingegneri e periti. Serve alla compilazione delle denunce di accatastamento e di variazione relative alle unità immobiliari urbane censite o da censire presso gli Uffici del Catasto.

Quali documenti servono per presentare una denuncia Docfa?

I documenti necessari alla presentazione in Catasto di una denuncia DOCFA sono:

  • il titolo di provenienza dell’ immobile, cioè l’atto di compravendita, di successione, di donazione etc.. Questo documento è acquisibili tramite una visura ipotecaria per nota.
  • Il numero di protocollo e la data dell’ultima pratica edilizia relativa all’immobile. Ad esempio: la denuncia di inizio attività, la licenza edilizia, l’autorizzazione edilizia, la pratica di condono edilizio, ecc.
  • I dati che identificano l’immobile, cioè comune, foglio, mappale ed ex particelle, subalterno e la destinazione d’uso ottenibili richiedendo una visura catastale per immobile.
  • Un estratto di mappa, catasto terreni, numero delle unità immobiliari e loro consistenza in mq (per la quale è necessaria una planimetria catastale).
  • Oltre ai documenti riguardanti l’immobile e le ultime pratiche edilizie, è necessario presentare una copia del documento d’identità e del codice fiscale del proprietario.

Quando presentare la variazione catastale fabbricati Docfa?
La variazione catastale fabbricati Docfa è necessaria, durante la costruzione di un immobile ed al termine dei lavori e della fase di collaudo.

La denuncia di variazione DOCFA, invece è necessaria per :

  • il cambio di destinazione d’uso
  • la variazione della consistenza (superficie netta e superficie commerciale) a seguito di ampliamento dei vani, demolizione di un fabbricato (anche se parziale), fusione dell’unità principale con altre unità immobiliari o divisione della stessa unità immobiliare in più unità
  • la modifica delle caratteristiche dell’unità immobiliare urbana che incida sul suo valore e, di conseguenza, anche sulla rendita catastale, con variazioni nella distribuzione interna dei vani o nella ristrutturazione
  • la variazione dei dati toponomastici relativi all’unità immobiliare urbana, quali indirizzo, numero civico, piano etc.

Studio Tecnico di architettura
di Pier Paolo Marceca

Via Mac Mahon 75
(angolo via Giovanni Duprè 6)
20123 Milano
IT09381390963

Cell.: +39 373 765 66 56
info@architettomarceca.it
architettomarceca@pec.it

© Naluf 3.0 - Web Agency Brescia